Di uguaglianza e della sua mancanza/Of equality and the lack thereof.

One of many subjects that I am deeply passionate about is equality among all humans, regardless of gender, sexuality or culture/nationality.

Lately, or rather, since I was very young, I have been thinking about equality between men and women. It has been an extremely long and complicated journey, which started with complete puzzlement: it was only when I arrived in Italy, at the age of 12, in 1983, after living abroad all my life, that I became aware that there were differences in how women and men were treated. It was a stunning, almost shocking revelation. I really had no idea.
I will skip ahead, and come to right now.

2014 and still society is incredibly male oriented. Modern feminists do what they can, and sometimes even push for changes that make a big difference.

I believe however, that the LITTLE changes are the really big changes that will make all the difference. Such as a campaign going around Facebook not long ago, asking for Italian registrars to always ask WHICH parental surname the parents wanted for their child. This doesn’t just help gay couples, or single parents, the most obvious people to benefit from such a very civilized arrangement. It benefits ALL WOMEN. Because it would no longer be assumed that just because my daughter’s called Paoloni* that is necessarily her father’s surname. It means I don’t have to tell you that I’ve had two husbands every time I have to tell you my childrens’ surnames. It means I don’t have to tell you I’m (or I was) a single mother!

Then, there is the change of name. In a country as apparently male-oriented as Italy, YOU ARE NOT PERMITTED to change your surname, if you are marrying and you are a woman. Not in the bank, not on your passport. You can add a page if you like, but you CANNOT change your surname. What does that mean? It means that as generations grow, nobody ever thinks “Mr and Mrs Blake”. It will ALWAYS be Mr Blake and his chosen companion, Mrs Whatever.
This means that even those who DO want to acquire their husband’s surname (as I did, at one point) for some old vestige of whatever romantic notion, couldn’t. What a subtle, and extremely powerful way to change society!
At my work, when I receive customers, I’ve been told I must always check their title: “Some women have been put down as Ms when they are in fact Mrs”. It was me. I stopped asking for their title and just put Miss if they looked ridiculously young and Ms if slightly older, say above 25. My God. Shame on me. How terrible to accuse someone of just being a Ms when she is indeed a Mrs. Ok I am being overly facetious which is unfair because a lot of our customers are quite elderly and old-fashioned. But do you realise how much information you are giving someone when you are saying whether you are a Miss, a Ms or a Mrs?? Encyclopaedias of automatic pre-judgements are dumped on you.

Having not been taken seriously for much of my life, I sometimes when I sign an email deliberately put Mrs V. S., especially when speaking of any of my children, all of them with a different surname than my own. Yes I am a terrible easy woman with children from different fathers but hey, I am a respectable woman now, so give me my due respect. THAT is what I’m saying and it’s ridiculous I should that do you know why? Because a man in my very exact situation, or in the situation of any other woman, DOES NOT provide all this information. He will merely tell you whether he is a doctor (which in England means a REAL doctor, so it can be handy), an Engineer or in the Navy. But top level consultants, higher than GP’s, go by the name Mr. so there you go. A man is not required to offer all these heaps of information to anyone, and that, I believe, is at the very basis of discrimination between genders and as long as that is the case we will never have equality, no matter how much feminists squabble over all sorts of other stuff. We should begin with forcing the use of just one equivalent to Mr., possibly not MS. because it sounds awful, really awful, but there you go that’s all we’ve got right now. Or, like in Italy, use Miss for the ridiculously young and Mrs for everyone else that starts looking more serious and grown-up.

And finally, a further thought. Yesterday I was watching Generations, the 7th Star Trek movie. In it (really, I am not going to concern myself with spoilers 20 years after it’s come out), the lovely Picard muses about how now that his brother and his nephew have died horribly in a fire, the real tragedy for him is that the “Picard line” will stop. There has always been an important Picard he says: the explorer, the Mars settler, what have you. He thought because his brother had a son he didn’t have that responsibility. Now, however, he is just sad. Then he goes into the Nexus, where he is taken to a kind of fantasy world where all his wishes come true. In here, not only is his nephew alive, but Picard has 4 children (oh and a wife who makes him tea, bless her): 2 girls and, joy of joys, 2 boys. 2 boys + 1 nephew to continue the Picard line. Because of course, the generations of women born in that Picard line he was mentioning earlier were completely irrelevant to the Picard line, not just in olden times when it was difficult for women to get much done besides housekeeping and childbearing, but even from the 20th century onwards for more than 3-4 centuries! Because even if, say, we want to concede that one of the Picards he mentions were a woman, if she had had a child, that child would be named after his or her father… not after the Picard mother.

The utter unfairness of this is tremendous. Do you see what a huge societal change it would require? For starters, I thought, what we should do is change our name, yes. I believed that all of us in my close family should change the name to my surname, at the very least. Because what they all have in common, is ME! So why shouldn’t they all change their surname to mine? My husband laughs at the idea and can’t really give me a good reason but there you go… “no way” he says “I don’t want to change my surname, don’t be ridiculous!” Really? Why was it not ridiculous for women to do that for always and always? It’s not his fault, it’s those deep deep rooted injustices and gross inequalities that we are nowhere near overcoming, which we don’t even see most of the time.

I go further. I said OK, you don’t want to change your surnames to mine, how about we ALL change our surnames. To something NEW. To something unattached to either “line”. How about we all change our surname to “Humans”. “Look, here come the Humans”. “May I introduce you to Mr and Ms (for want of a better sounding one) Human”. “Wouldn’t that be AWESOME!?” I asked the family. “No, it really wouldn’t”, they all replied. I tried to argue a bit but to no avail.

Yet I will have to do something sooner or later. What’s in a name? EVERYTHING.

*Fake name

Uno degli argomenti che mi appassiona da sempre e’ l’uguaglianza tra gli esseri umani, che sia di sesso, di sessualità o di cultura/nazionalità.
Ultimamente, o meglio, da quando ero molto giovane, ho pensato spesso all’uguaglianza tra uomo e donna. E’ stato un cammino estremamente lungo e complicato, iniziato con completa costernazione: e’ stato solo quando sono arrivata in Italia, all’età di 12 anni, nel 1983, dopo aver vissuto all’estero tutta la mia vita, che mi resi conto che c’erano delle differenze in come venivano trattati uomini e donne. E’ stata una rivelazione quasi scioccante. Davvero non avevo idea.
Faccio un salto in avanti, e arrivo ad ora.
Siamo nel 2014 e ancora la società e’ incredibile orientata verso gli uomini. Le femministe moderne fanno ciò che possono, e alle volte spingono persino per cambiamenti che fanno una grande differenza.
Credo tuttavia che i PICCOLI cambiamenti siano i cambiamenti davvero grandi che fanno davvero la differenza. Come una campagna che girava su Facebook poco tempo fa, che chiedeva che gli ufficiali di stato civile chiedessero QUALE cognome i genitori volessero per la loro prole. Questo non aiuterebbe solo le coppie gay, o i genitori singoli, i più ovvi beneficiari di questo provvedimento estremamente civilizzato. Porterebbe vantaggio a TUTTE le donne. Perché non sarebbe più scontato che solo perché mia figlia si chiama Paoloni* quello sia necessariamente il cognome di suo padre. Significa che non devo dirti che ho avuto due mariti ogni volta che devo dirti i cognomi dei mie figli. Significa che non devo dirti che io sono (o ero) una mamma singola!
Poi, c’e’ il cambio del cognome. In un paese apparentemente cosi’ orientato ai maschi come l’Italia, NON PUOI cambiare il cognome se ti stai sposando e sei una donna. Non alla banca, non sul passaporto. Puoi aggiungere una pagina se vuoi, ma NON PUOI cambiare il cognome. Che cosa significa questo? Significa che man mano che crescono le generazioni, nessuno pensa più “Il Sig. e la Sig.ra Nerazzurri”. Sara’ SEMPRE “Il Sig. e la Sig.ra Quelchel’e'”, sua compagna.
Significa che persino coloro che VOGLIONO acquisire il cognome del marito (come me, ad un certo punto) per qualche vecchia idea di romanticismo, non possono. Che modo sottile, ed estremamente potente, di cambiare una società!
Al mio lavoro, quando ricevo i clienti, mi e’ stato detto di controllare sempre il loro titolo: “Alcune donne sono state messe con Ms.** quando sono in realtà sono Mrs.***”. Ero stata io. Avevo smesso di chiedere il loro titolo ed avevo messo semplicemente Miss*** se apparivano ridicolmente giovani, o Ms se apparivano leggermente più grandi, tipo 25 anni o più. Dio mio. Cattiva me. Terribile accusare qualcuna di essere solo una Ms quando in realtà essa e’ una Mrs. Ok sto esagerando col sarcasmo, e’ ingiusto visto che molte delle nostre clienti sono donne anziane e all’antica. Ma vi rendete conto di quante informazioni state dando a qualcuno quando state loro dicendo che siete una Miss, una Ms o una Mrs?? Enciclopedie di automatici pregiudizi vi vengono buttati addosso.
Non essendo stata presa sul serio per gran parte della mia vita, ci sono delle volte che firmo un’email deliberatamente mettendo MRS V. S., soprattutto quando sto parlando dei miei figli, tutti con un cognome diverso dal mio. Si sono una donna facile con figli da diversi uomini, ma ehi, ora sono una donna rispettabile, quindi datemi il rispetto che merito. E’ QUESTO che sto dicendo ed e’ ridicolo che io debba farlo sapete perché? Perché un uomo nella mia stessa identica situazione, o nella situazione di qualsiasi altra donna, NON fornisce nessuna di queste informazioni (tranne nel caso in cui debba prenotare un appuntamento medico per uno dei nostri figli e debba spiegare perché ha il cognome diverso…). Un uomo ti dirà semplicemente se sia un dottore (che in Inghilterra indica medico, il che può venire utile)un ingegnere o nell’esercito. Ma i medici consulenti di alto livello si fanno chiamare solo Mr,, quindi… A un uomo non e’ richiesto fornire tutte queste montagne di informazioni a chicchessia, e questo, io credo, e’ alla vera base della discriminazione tra i sessi e finché durerà questo non avremo mai l’uguaglianza, per quanto le femministe si sbattano a discutere su tante altre cose. Dovremmo iniziare con l’obbligo di usare un solo equivalente a Mr, possibilmente non Ms che ha un suono orrendo, ma per il momento e’ tutto ciò che abbiamo. Oppure, come in Italia, usare Signorina per le ragazzine e Signora per chiunque sia maturata e abbia un aspetto più “serio”.

Infine, un ultimo pensiero. Ieri stavo guardando il settimo film di Star Trek, Generations. Nel film (e non mi vado a preoccupare di guastare la sorpresa dopo 20 anni che e’ uscito il film), il buon Picard riflette su come ora che suo fratello e suo nipote sono morti orribilmente in un incendio, la vera tragedia per lui e’ che la linea “Picard” sia stata interrotta. C’e’ sempre stato un Picard importante dice: l’esploratore, quello che e’ andato su Marte, eccetera. Pensava che visto che suo fratello aveva un figlio lui non avesse più quella responsabilità. Ora, pero’, e’ solo triste. Poi entra nel Nexus, una sorta di banda energetica dove tutti i suoi desideri si avverano, e li’ ritrova non solo suo nipote sano e salvo ma anche i suoi 4 figli, di cui 2 (evviva!) maschi. E una moglie che gli prepara il te’. 2 figli maschi e un nipote che continueranno la linea Picard. Perché naturalmente, le donne nate in quella linea Picard che stava menzionando prima erano completamente irrilevanti al fine della linea Picard, non solo nei tempi andati quando per le donne era difficile far altro che preoccuparsi di casa e di fare figli, ma persino dal ventesimo secolo in poi, per più di 3-4 secoli! Perché anche se, poni, volessimo concedere che uno dei Picard menzionati da Picard fosse una donna, se avesse avuto un figlio o una figlia, quel figlio o figlia avrebbe preso il nome del padre… e quindi non Picard come la madre.

La completa ingiustizia di questa cosa e’ tremenda. Vedete che incredibile cambiamento della società richiederebbe? Tanto per cominciare, pensai, quello che dovremmo fare e’ cambiare i nostri cognomi, si. Pensavo che tutti noi nella mia immediata famiglia dovremmo prendere il mio cognome, quanto meno, dal momento che la cosa che tutti abbiamo in comune sono IO! Quindi perché non dovrebbero tutti cambiare il loro cognome per il mio? Mio marito ride dell’idea e non sa darmi davvero un buon motivo… “Ma assolutamente no, non voglio cambiare il mio cognome, non scherzare!” Ah si? E perché non e’ stato ridicolo per le donne che lo fanno da sempre e sempre? Perché non era ridicolo sperare che lo facessi io? Non e’ colpa sua, sono quelle ingiustizie profondamente radicate e grossolane diseguaglianze che non stiamo superando ancora, la maggior parte delle volte non ci facciamo nemmeno caso.

Vado oltre. Ho detto Ok, se non volete prendere il mio cognome, allora perché non cambiamo TUTTI i nostri cognomi? Per qualcosa di NUOVO. Per qualcosa che non sia legato a nessuna “linea di parentela”. Perché non ci chiamiamo tutti “Umani”. “Guarda, arrivano gli Umani”. “Posso presentarti alla Sig.ra e al Sig. Umani?”.
“Non sarebbe fighissimo?” chiesi al resto della famiglia. “NO, davvero, non lo sarebbe.”, risposero tutti. Ho cercato di argomentare un poco ma senza alcun effetto.

Ma qualcosa avrò prima o poi. Cosa c’e’ in un nome? TUTTO.

*Nome falso
** Signorina
*** Donna adulta che non e’ sposata o non vuole dirti se e’ sia sposata o meno quindi probabilmente non lo e’ ma non vuole essere trattata da zitella/ragazzetta e quindi non vuole Miss e non può usare il titolo di Signora perché (chissà perché poi, io lo farei, signora e buona notte chissenefrega, ma se poi scoprono che non sei sposata torni ad essere Ms impietosamente)
*** Signora, sposata.

Picard’s “Odd” Children/ I figli “inquietanti” di Picard.
Advertisements

2 thoughts on “Di uguaglianza e della sua mancanza/Of equality and the lack thereof.

  1. Sono d’accordo con te dalla prima all’ultima riga.
    In cuor mio sono orgogliosa della mia scienza, che già da molti anni ritiene che sia famiglia semplicemente ciò che si sente essere famiglia, il che significa che possiamo esserlo io e mio marito senza figli, se ci sentiamo tali, o io e il mio cane. Dipende semplicemente da tu come ti senti, da un senso di appartenenza.
    Allo stesso modo penso sia bello che uno possa scegliere il proprio cognome senza doversi adattare a quello che la sorte ti ha dato. Non immaginavo che in Inghilterra il titolo comunicasse tante cose, non ci avevo mai pensato. Quando non avevo la fede capitava che mi dicessero “signora o signorina…”, perché dare della signora a una signorina è un atto scortese, come giudicarti più vecchia di come sei (siamo la società plasmata da Berlusconi del resto) e io rispondevo sempre ridendo: “dopo i 18 anni siamo tutte signore, non si preoccupi”, perché è la regola legale, per così dire.
    In alcuni paesi del sud America le persone hanno due nomi e due cognomi, dati da entrambi i genitori. Non so come vada poi in terza generazione, ma credo che veicoli un bel messaggio sul senso dell’eredità come data equamente da due genitori.
    Personalmente è stato un lungo percorso quello di venire a patti con il mio cognome e con quello che rappresentava, forse se lo avessi potuto cambiare avrei solo eluso il problema dell’accettazione di me. Ma è un fatto mio individuale. C’è gente che ha cognomi impegnativi, che rimandano a parolacce o insulti e non vedo perché lo debbano tenere.
    Per tutta la mafia che c’è in Italia, credo che sia importante comunque tenere traccia delle parentele, su un piano pratico…

    Like

    1. Eh, questo si!
      Pero’ si, l’Inghilterra sotto molti aspetti fa tanto quella “avanti” e superiore, poi vai a vedere e ha tanti di quei piccoli medievalismi che ti fa mangiare le mani dal nervoso 🙂

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s