Being vulnerable/Vulnerabilita’

Italiano piu’ sotto

I may have had a mini stroke at some point. I have been noticing more and more that my face is getting lopsided, something must have happened at some point to make it so, mustn’t it?
(Recommended reading:
One,_No_one_and_One_Hundred_Thousand
)
My nose was broken, at least once, by a punch in the face. Of course I never didn’t notice it, but the bones are sticking out more and I can notice it more now. I have a broken nose, a reminder of a boxing career I never had. I prefer to think of the black eyes I got in basketball, somehow despite being just as black and powerful hits, those made me feel victorious, strong, proud, vengeful, a fast warrior with an orange ball.
(You don’t have to be tall to be a good basket ball player, AND, basketball rules)
For the second time, after much thinking, my daughter told me she preferred being at after-school club than coming home early with me. Since I started working full time, I didn’t get a flood of people telling me how much they missed me (except for a couple, but they are special). I didn’t spend more precious time with my partner, snuggling up on the sofa and telling each other all that has been happening.
I am an (overly) intense person, always was, and apparently always will be. This means yes, short sharp bursts of me in a good mood and you might find me cool, but have me for too long and you wipe your brow with relief when I’m gone.

I had a dream, of a large house, infinite resources from who knows where, friends living in it and around it, and me a forever fading presence, setting the basic rules of humanhood and love, and at the same time removing myself more and more from the scene, living in more and more isolation. That dream is half come true: I am removing myself more and more from the scene, in increasing isolation, except nobody is really noticing and my resources are as low as they have ever been.
The house is not mine, the earrings I wear are not mine, nothing is mine. Except perhaps my cats.

I have been working on myself for years now, years. From what those close to me tell me, or resent me for, I still have the same issues I have had since forever, so it would almost seem like I haven’t been working on myself, acknowledging my limitations and faults, ever. But I have, for a lifetime.
Despite being through a lot, I never thought of myself as a victim, I don’t believe in victimization of oneself, so I have just been working at it, working at it, working at it.

I went back through time. Willed myself to explore some things that rang a false note in my memory. Willed myself to explore those things I would talk about with the rare people I did in more detail, with the realisation that most of my memories pre-12 were just a very few precise moments, always described dismissingly and quickly, in the same way.

I went back in time. I was quick to rage as a five year old as well. Does that perhaps not mean that that’s who I am, and not much can be done at this stage to change it?
Compared to how I used to be, I feel like I am now the Buddha incarnate.

But it is never, never enough. My perception of who I am and how good I am being always, always fall short of other people’s judgement.
I am a bad person, when I hear descriptions of myself from those close to me (not the positive ones, I always get positive reviews from those who see me rarely) I cringe and think “I don’t want to be with a person like that, I don’t want to BE that person”.

A cycle of hurt that started as far back as I can remember, with me pulling half my hair out in rage for not being able to express what I wanted (I remember that feeling as though it happened yesterday, and it does still happen, except I have learnt to cut, and then not even cut my hair, but the rage is still there) and never, never ends.

I think I was sexually abused at a very young age, before the age of five, or at least something happened. I know I was sexually abused, probably again, probably for the first proper time, around 7. I now know that my behaviour from then on was dictated by this. My rage at not being able to tell, to talk about it, to understand. My quiet rage and desperation and “ah well, that’s just the way it is”-feeling at empty houses, long, interminable alone times.
The Beatles and Julio Iglesias building my idea of what a reassuring man would be. My lack of interest towards woman friends, as my mother knew nothing, cared nothing, for me. My addiction to men, to sexual arousal, to wanting to be liked, and the ensuing disgust for most of my sexual interactions. My radar for hooking up with men who would either abuse me in some way or other or ignore and deride my feelings, repeating the actions of my perpetrators and my father over and over again.
Because, as I was told, we repeat what we knew as children, because, ugly or not, that is the only reality we knew, and it it feels “comfortable”. If we grow up being loved and cherished, we will assume that is the way others should treat us. And so on.
A tall harsh wall was erected that meant that my lust and constant search for sexual arousal and partners would stop the moment I had a partner. I would respond as naturally to the initial stimuli, but would then stop myself or the other person because of that impassable wall. So, I may be a sexual/lust addict, but I go on downtime when in a relationship and now I am, fortunately, married.

All my life, was determined by this. All my bad choices, were determined by this, all the hurt I got, all the hurt I caused, all the stupid decisions, all the changes of plans, every party I ever went to, was determined by this, by men, and my twisted interaction with them. Maybe.

I am happy of this epiphany because, contrarily to something I said in a fit of anger a while back, somewhere, I DO need to understand the whys of something so I can cure it.
I will never be cured. I have come to the very sad certainty that I will always be the on-the-edge insane person I always was and was trying to get away from, to stop being. The difference now is I chose to embrace it. I need to be open and so I will, here, when i feel like it. I have difficulty talking to people face to face, and so I finally give up on that, I will make no mention of this in private conversation, for the relief of so many. I give into the realisation that my choices have led me here: having spent my whole life in pursuit and championing real deep friendship, my choices have led to me to a place, a time, a circumstance, where my most immediate friend is this public, private venue. Where whoever reads can judge, snigger, facepalm, diminish, whatever I don’t care anymore. I don’t care about my father’s judgement of saying I shouldn’t expose myself so much. I don’t care about people who use my words and my vulnerability against me, I don’t care about the countless people that use my own words against myself in argument to make their case, against me.

I care that I have a lopsided face, that I detest dying and getting older. That I hope and pray I will be fit and strong to see my children’s children and to see them happy, to help them if they’re not, and to always be a support for them, not something they need to support, deal with. I still aim, as always, to be an asset for those around me, be they friends, partners, children, and not a cause for anger, displeasure, frustration. I hate causing frustration to people, my aim is just to cause harmony, but there you go, you don’t always get what you want.

I want to write as though I could die tomorrow. I want my stories to be told, because I still oddly feel I have some things to teach. I want somebody to tell me how on earth to cope with a child who every few days tells me she doesn’t want me to die. Ever. And what will she do, even if my spirit continues in her heart, when she wants a hug?

I want people to know that I always cared, for every one. For those who have sniggered and teased me, for those who talk behind my back (I know), for those who get angry at me and do not know, do not realise how much anger against me hurts me, and how every time they are angry at me they are recreating that perverted cycle of hurt. I am sorry for those I fooled into thinking that I was strong, cool, independent, all-knowing or what have you. For those, and there were many, who thought I could care for them, make them feel special, when that only happens in short bursts, I’m afraid. I am only as strong as is required to defend someone from something, after that I am fragile, stupid, the neediest person you’ll ever meet.

I will break down in tears every time a stranger is kind to me.

So, there you go, one chapter closes, the search for answers, the search for truth, the search for causes. Another one opens, not fighting any more, letting all hang out. I don’t care about “what is not done” and how “things should be approached”. I don’t care about propriety, English bloody reserve, method. I don’t care, about anything. I’ve worked all my life for you, world, to adapt to you, to be nice to you, to be a better person, to try and do the best. I give up and say hey, I was a sunshine little girl, shit happened, I was angry, I was alone, deal with it. I give up working for you, and start working for me, for the things that matter to me. Like finishing off the revision of the fishing book I am translating.

A cool video: Chris Hadfield real astronaut sings David Bowie

&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&&

Credo di aver avuto un piccolo ictus a un certo punto. E’ un po’ che lo noto, che la mia faccia e’ sempre piu’ storta. Qualcosa sara’ pur successo, no?
(Lettura racocmandata: Uno,_nessuno_e_centomila)Il mio naso e’ stato rotto, almeno una volta, da un pugno in faccia. Naturalmente non e’ che non lo notassi prima, ma le ossa ora si vedono di piu’ e lo noto di piu’, ovviamente. Ho un naso rotto, il ricordo di una carriera di boxing che non ho mai fatto. Preferisco pensare agli occhi neri presi giocando a basket: quelli mi facevano sentire vittoriosa, forte, orgogliosa, vendicativa, una guerriera veloce con un pallone arancione (Non devi essere alta per giocare a basket, E POI, il basket e’ troppo figo)Per la seconda volta, dopo attenta riflessione, mia figlia mi ha detto che preferisce andare al club doposcuola che tornare a casa prima, con me (nel mio giorno libero). Da quando ho iniziato a lavorare a tempo pieno, non ho ricevuto un flusso di persone che mi dicevano che gli mancavo (a parte un paio, ma quelli sono speciali). Non ho passato più tempo prezioso con il mio compagno, coccolandoci sul divano a raccontarci delle nostre giornate. Sono una persona (troppo) intensa, lo sono sempre state, e a quanto pare lo saro’ sempre. Questo significa che si, piccole dosi di me di buon umore e potresti trovarmi piacevole, ma se mi hai troppo a lungo ti asciughi la fronte di sollievo quando non ci sono.Avevo un sogno, una grande casa, con risorse infinite da chissà’ dove, amici che ci vivevano dentro e intorno, ed io una presenza che tendeva a scomparire, determinando le regole di base dell’aiuto tra umani e d’amore, e allo stesso tempo rimuovendomi sempre di piu’ dalla scena, vivendo in sempre maggiore isolamento. Quel sogno si e’ avverato a meta’: mi sto rimuovendo sempre di piu’ dalla scena, in sempre crescente isolamento, eccetto che nessuno se ne sta davvero accorgendo e le mie risorse non sono mai state così limitate. La casa non e’ mia, gli orecchini che porto nemmeno, niente e’ mio. Eccetto forse le gatte.Sono anni ed anni che lavoro su me stessa. Da quello che mi dicono quelli vicino a me, o che hanno motivo di patire per causa mia, ho ancora le stesse manchevolezze che ho da sempre, quindi sembrerebbe che non sono anni ed eanni che lavoro su me stessa, ammettendo i miei limiti e i miei difetti, mai. Ma e’ stato così, per una vita intera. Nonostante abbia subito molto, non ho mai pensato a me stessa come a una vittima, non credo nella vittimizzazione di se stessi, quindi non ho fatto che lavorarci, lavorarci, lavorarci.Sono tornata indietro nel tempo. Mi sono obbligata ad esplorare cose che suonavano stonate nel mio ricordo. Mi sono obbligata a esplorare quelle cose di cui parlavo con le rare persone con cui parlavo in maggiori dettagli con la realizzazione che la maggior parte dei miei ricordi prima dei 12 anni erano composti da molti pochi momenti precisi, sempre descritti velocemente ed evitando il discorso, nello stesso modo.

Sono stata chiamata troppo appassionata e facile alla rabbia, risentita. Tratto le persone care male, e spesso questa accusa viene fatta quando nella mia testolina sto solo cercando di parlare, di spiegare, o, più spesso, di capire.

Sono tornata indietro nel tempo. Anche a cinque anni avevo la rabbia facile. Questo potrebbe forse dire che e’ questa che sono, che non posso fare piu’ di tanto ormai a questo punto per cambiarlo? Rispetto a com’ero, ora mi sento come il Buddha in persona. Ma non e’ mai, mai abbastanza. La mia percezione di come sono e di quanto brava non e’ mai, mai abbastanza nel giudizio delle altre persone.
Sono una brutta persona, quando mi sento descritta da quelli vicini a me (non ;e descrizionei positive, le mie recensioni sonos empire positive da quelli che mi vedono di rado) rabbrividisco e mi dico “Io non vorrei stare con uan persona così, Io non voglio ESSERE quella persona”.
Un ciclo di dolore che e’ iniziato agli albori del mio ricordo, con me che mi strappavo meta’ capelli dalla testa per la rabbia di non riuscire ad esprimere quello che volevo (Ricordo quella sensazione come se fosse successa ieri, e succede ancora, eccetto che da allora ho imparato a tagliare, e poi nemmeno tagliare piu’, anziche’ strappare, ma la rabbia c’e’ ancora) e non smette mai, mai.

Credo di avere subito un abuso sessuale prima dell’eta’ di 5 anni, o comunque qualcosa e’ successo. So che ho subito un abuso sessuale probabilmente dopo, probabilmente per la prima volta, intono ai sette anni, Ora so che il mio comportamento da allora e’ stato dettato da questo. La mia rabbia al non poter dire, capire. La mia rabbia e disperazione silenziosa e il mio atteggiamento di rassegnazione pe rle case vuote, e i lunghi, interminabili periodi da sola. I Beatles e Julio Iglesias che costruivano la mia idea di come doveva essere un modello d’uomo rassicurante e amorevole. La mia mancanza di interesse vero le amiche donne, visto che mia madre non sapeva, ne’ le interessava, granché di me. La mia dipendenza dagli uomini, dall’interazione sessuale e il voler piacere, e il disgusto che conseguiva alla maggior parte delle mie interazioni sessuali. Il mio radar per gli uomini che o mi avrebbero abusata, o avrebbero ignorato o deriso i miei sentimenti, ripetendo le azioni di chi abusava e di mio padre in un ciclo perpetuo. Perché, come mi avevano spiegato, noi ripetiamo quello che succede da bambini, bello o brutto che fosse, perché e’ quello che conosciamo, e ci sentiamo “sicuri” in quell’esperienza. Se cresciamo amati e apprezzati, daremo per scontato che e’ quello il modo in cui gli altri ci devono trattare. E così via.

Da qualche parte, fortunatamente, una parte forte e alta e’ stata eretta che significava che la mia carica sessuale e la mia costante ricerca per attenzioni sessuali si fermasse nel momento in cui avevo un compagno. Continuavo a rispondere naturalmente agli stimoli, ma poi mi sarei fermata o avrei fermato l’atra persona per via di questa parete invalicabile. Quindi, sarò pure una dipendente del sesso e dell’attrazione sessuale, ma divento inattiva quando sono in una relazione e ora, per fortuna, sono sposata.

Tutta la mia vita e’ stata determinata da questo. Tutte le mie scelte negative, sono state determinate da questo. Tutto il dolore che ho provato, tutto quello che ho causato, tutte le decisioni stupide, tutti i cambi di programma, ogni festa a cui sono mai stata, erano determinate da questo, dagli uomini, e dalla mia interazione malata con loro.

Ho aspettato qualche giorno per parlare di questa rivelazione con qualcuno, ma la verità e’ che non c’e’ nessuno nella mia vita che abbia ormai quel ruolo. Che sia per la distanza, per le ore lavorative, per il modo in cui sono costruiti i rapporti, per vari motivi, non ho nessuno con cui parlare.

Sono felice di quest’epifania, quella che sento essere l’epifania per eccellenza.

Sono felice perché, contrariamente a quanto ho detto altrove in un momento di frustrazione, io HO bisogno di capire i perché di qualcosa, per curarla.
Non mi curerò’ mai del tutto. Sono arrivata alla triste conclusione che sarò’ sempre sull’orlo della malattia mentale  come sono sempre stata e da cui speravo di allontanarmi, di smettere di esserci. La differenza ora e’ che scelgo di accettarlo. Ho bisogno di essere aperta e quindi lo sarò, qui, quando mi sento di farlo. Mi arrendo alla realizzazione che le mie scelte mi hanno portata qui: ho passato la vita alla ricerca e pubblicizzando l’amicizia profonda e vera, le mie scelte pero’ mi hanno portato a u luogo, un tempo, una circostanza dove l’amico più immediato che ho e’ questo, un luogo pubblico e privato. Dove chiunque legge più giudicare, denigrare, mettersi le mani in faccia, diminuire, quello che vuole non mi interessa più. Non mi interessa del giudizio di mio padre che dice che non devo espormi così tanto. Non mi interessa delle persone che usano le mie parole e la mia vulnerabilità’ contro di me, non mi interessa delle innumerevoli persone ce usano le mie parole contro di me durante un litigio per mettere avanti la loro posizione, contro di me.

Mi interessa che ho la faccia storta, che odio che sto morendo che sto invecchiando. Che spero e prego di essere in forma e forte per vedere i figli dei miei figli e vederli felici, aiutarli se non lo sono, ed essere per loro sempre un supporto, e mai qualcosa che devo no supportare loro, che devono sopportare. Voglio sempre essere, come sempre, un qualcosa in più per quelli che ho intorno, che siano amici, figli, compagni, e non una ragione di rabbia, spiacevolezza, frustrazione. Odio causare frustrazione nelle persone, il mio proposito e’ solo quello di creare armonia, ma eccola’, non ottieni sempre ciò che vuoi.

Voglio scrivere come se dovessi morire domani. Voglio che le mie storie vengano raccontato, perché stranamente sento ancora che posso insegnare alcune cose. Voglio che qualcuno mi dica come diavolo gestisco una bambina che ogni tot giorni mi dice che non vuole che io muoia, mai. Che anche se rimango in spirito nel suo cuore, come fa quando vuole un abbraccio?

Voglio che le persone sappiano che mi e’ sempre interessato di tutti quanti loro. Per quelli che hanno deriso e mi hanno presa in giro, per quelli che mi parlano alle spalle (lo so), per quelli che si arrabbiano con me e non sanno, non si rendono conto, che di quanto la rabbia verso di me mi ferisca, e come ogni volta che si arrabbiano stanno ricreando quel ciclo perverso di dolore. Mi dispiace per quelli che ho ingannato, che pensavano che fossi forte, figa, indipendente, che sapessi tutto, o sa dio. Per quelli, e ce n’erano molti, che pensavano che io potessi prendermi cura di loro, farli sentire speciali, quando quello posso farlo solo per brevi tratti, temo. Posso solo essere tanto forte quando e’ necessario per difendere qualcuno da qualcosa, ma dopo di ciò io sono fragile, stupida, la persona più bisognosa di affetto che conoscerete.

Mi sciolgo in lacrime ogni volta che uno sconosciuto e’ gentile con me.

Quindi ecco, un capitolo si chiude, la ricerca delle risposte, la ricerca della verità, la ricerca delle cause. Un’altra si apre, il non lottare più, il lasciare che esca tutto. Non mi interessa di ciò che “non si fa” e “come bisognerebbe fare le cose”. Non mi interessa della buona apparenza, della riservatezza inglese, del metodo. Non mi intensea di nulla. Ho lavorato tutta la vita per te, mondo, per adattarmi a te, per essere carina con te, per essere una persona migliore, per cercare e fare del mio meglio. Mi arrendo e dico beh, ero una bambina tutta solare, sono successe cose, ero arrabbiata, ero sola, fattene una ragione. Non lavoro più per te, e inizio a lavorare per me, per le cose che hanno importanza per me. Come finire la revisione del libro di pesca che sto traducendo.

Un video figo: Chris Hadfield astronauta vero canta david Bowie

Advertisements

4 thoughts on “Being vulnerable/Vulnerabilita’

  1. Circumstances for whatever reason (complete lack of money being the main one) mean we have not seen much of each other recently. I know these are things you get off your chest and you are probably fine now. In fact just you writing this means you have rationalized it all already.

    Nevertheless.

    Should I need to I will always, whatever the circumstances drop everything and come and see you – please, deep down, know that – for a pint, a chat, a laugh, whatever, even if nothing specific is mentioned.

    You are not alone. Everyone’s pain is specific and unique. But there are so many similarities and echoes between, for example, the depths of mine and yours. Details are very different. Broad brush strokes are the similar.

    You are not alone.

    You are not perfect. You have faults. You have close friends who know your faults. You are emotionally astute and intelligent and introspective and you self question and analyze. This is a good thing – to a point. It hurts. We both know this. Oh to live in blissful ignorance. Maybe. Such is life.

    I will be in touch about coming up soon. I keep saying it, but I will. Money should temporarily for the summer start improving enough to be able to afford a train ticket. 🙂

    Hugs

    Like

  2. in occasioni del genere le cose da dire, da distante, e su un forum pubblico, sono molto poche, e questa è una di quelle non rare volte in cui mi fa male non essere lì (e la volta non è rara anche perchè a volte semplicemente non vorrei essere *qui*)

    ho elencato una serie di argomenti su cui potevo scrivere, sulla non esigua quantità di ragazze che conosco personalmente con una esperienza di abusi simile alla tua, al “silver lining” del primo passo fuori dal muro però non è questo il vero motivo per cui sto scrivendo ora.

    Il motivo vero è che come tuo papà mi imbarazza un po’ di leggere una cosa come questa su un forum pubblico: perchè sono maschio, perchè sono padre, perchè sono mezzo sabaudo, perchè ti voglio bene, perchè mi spiace non esser riuscito a creare un’occasione o mille occasioni per far uscire l’argomento, perchè non vorrei vederti così vulnerabile sull’internet.

    Ma visto che ci sei, non voglio lasciartici sola, per cui mi metto qui con il mio commentino, e almeno siamo in due.

    Like

    1. Grazie Maffs 🙂
      Non so se protegga piu’ me o tutti gli altri non parlarne apertamente, ma ora posso richiuderlo. Avevo bisogno di dirlo di esporlo, e ora sono tornata piu’ privata (voi avete la password per questi post, e’ macumba :)). Sono serena, so che nuove cose arriverannno, non so se saranno tutte cosi facili da “razionalizzare”, ma al momento mi sta solo dando serenità’, come se finalmente qualcosa dentro di me avesse smesso di urlare fortissimo per coprire un altro rumore di sottofondo, che non si doveva sentire.

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s