Of whitening and mums

Blanching

Is it called that? No idea. White washing? No idea. What I do know, is that back in Italy there were plenty of adverts for this magical white liquid (or powder) that you could add to your wash and behold! all your whites were super-duper whites http://www.youtube.com/watch?v=iLhJDo7ijlw. Not a stain, and compared to the untreated whites… well it was like those dental adverts, you know, white polished American-style teeth against your average British yellowy teeth.
I love white. My husband says I look stunning in it, I love wearing it in the summer if and in the rare summers when I have had enough time to gradually grow a tan. I do look healthy in white when tanned and, possibly, blonde.
But the rest of the year, all white means to me specifically is that at the earliest opportunity something that stains very badly will drop on it: oil, sauce, chocolate… you name it!
But now, you see, I have KIDS. Big beautiful strapping young boys, and they both look amazing in white (they have big blue eyes you see). Hence, white has reappeared in our household (Yes, this summer I stayed flat on the beach for a solid 1 month. I managed to grow some resemblance of a tan).
Problem is, asides from one top brought back from the beach that was someone else’s (therefore as good as new), all my whites have stains on them. Theirs too. SO, yesterday I decided to add that fabulous equivalent (Magic? Vanish? Something like that.) to one of those miracle products they advertised in Italy (like Omino Bianco). I washed everything with those terrible 90º you only use if you’re crazy in the head (or trying to wash whites). I hang them out to dry and… the stains were only imperceptibly faded, and the whites weren’t that white. I felt a little disappointed.
What added to the disappointment was that that very morning I had written to someone “you could have left those shirts with me, I could have whitened them myself!” But, of course, as proved this morning, no, I couldn’t have. That’s another of those common household activities taken for granted by magical Italian women (and many clever English ones) that will always elude me.

Also, since yesterday, new thoughts:
1) It is much easier to deal with pain you have been caused (as long as it’s not physical, of course) than with pain you cause. You can’t do much about the latter asides from apologising, crying your heart out and beg forgiveness. But the former… you can just let it go. The world is a cruel, cruel place, it will slash at us and crush us without a moment’s notice and without fail, so why hold on to pain you can just let go of?
2) I must have had some issues with mums in my past lives. My mum never wanted me and she certainly didn’t like me very much, though she did do the best she could (hey, a bit like Michael Scofield’s mum!! But don’t research her unless you want huge spoilers for the Prison Break show. Brilliant show by the way.) but I suppose I always kind of desperately wanted surrogate mums. Except that my friends’ mums, especially if my friend was a woman, often hated me, as in seriously despise me so much they would go out of their way to hurt me after gaining my trust (psychos, yes, many of them). If they were male friends’ or boyfriends’ mums, they normally adored me (yes there’s a pattern here, can’t put my finger on it though!!) but either they lived far away or they moved away or what have you. The best of them all, the top of the tops, the warmest and brightest of them all, died, younger even than my mum when she died. She was there when our baby girl was born, and she saw her in her Intensive Care crib. She died when our baby M. had just recently got back home from hospital.
My mum died just as she was starting to become warmer and friendlier and started to want to spend time with me as she melted a little for my baby boys. She died on the 5th of October: at the end of August she had come to see me in hospital as a ridiculously small baby D. (only a few days old) was sedated and rolled into one of those huge huge tube machines for a CAT scan. I finally felt close to my mum that day, and she, unlike anybody else, was not judging me, I knew just in the way she held my hand. A lifetime had gone by for her to finally reach that moment and then of course she went and died.
When I look at it that way I almost wonder whether somehow their lives had been a sacrifice for the lives of these two babies to continue? But of course that would be crazy talk.
In any case, mums, surrogate mums, friends’ mums: a big deal for me.
The last mum I interacted with I honestly thought liked me. I trusted her, implicitly, I loved her, and I thought she cared, understood and, somehow knew me.
But no, she was of the category of the friends’ mums who gain my trust and then slash away.
But there you go, not the first, nor the last to do that, and hey, I’m a mum myself! I can be the mum I would have wanted for myself, and at least I have that privilege. I choose to laugh at my failed attempts to be a bit of a house-savvy mum as well, and shower my kids with love every chance I get.
I choose to keep envy, resentment and malign thoughts out of my body. They enter me as well of course, they last very little and then they’re gone (usually with some help from the likes of Tool). Perhaps the secret to whitening is just that: we all get stains on us, the secret is to wash them off straight away, and keep your heart spotless.

 

Sbiancare

Non so bene come si chiami esattamente in inglese, ma so che in Italia c’erano un sacco di pubblicità per questi liquidi (o polveri) magiche che aggiungevi al bucato e magia! tutti i tuoi bianchi erano super bianchi http://www.youtube.com/watch?v=iLhJDo7ijlw. Non una maccha, e confronto ai bianchi non trattati… beh era come quelle pubblicità dentali dove mostrano quei denti Americani bianchi splendenti contro i denti medi Britannici un po’ giallicci.
Amo il bianco. Mio marito dice che mi sta da dio, adoro metterlo durante l’estate soprattutto in quelle rare estati in cui ho avuto abbastanza tempo per “far crescere” una abbronzatura e sono, possibilmente, bionda.
Ma il resto dell’anno, tutto ciò che il bianco significa per me è che alla prima opportunità qualcosa che macchia moltissimo ci cadrà sopra: olio, salsa, cioccolato, tutti!
Ma ora, vedete, ho FIGLI. Bei ragazzotti, e tutti e due stanno da dio col bianco (hanno dei begli occhioni blu). Quindi, il bianco è riapparso nella nostra casa (Si, quest’estate sono rimasta spalmata in spiaggia per un mese intero. Sono riuscita a crescere un simulacro di abbronzatura).
Il problema è che, a parte una maglietta che ho riportato dal mare che era di qualcun altro ( quindi come nuova), tutti i miei bianchi hanno qualche macchia. Anche i loro. QUINDI, ieri ho deciso di aggiungere quel favoloso equivalente (Magic? Vanish? Qualcosa del genere) inglese a uno di quei prodotti miracolosi che pubblicizzavano in Italia (come Omino Bianco). Ho lavato tutto a quei terribili 90º che usi solo se sei PAZZO (o stai cercando di lavare i bianchi). Li stendo e….le macchie erano solo leggermente sbiadite, e i bianchi non erano poi così bianchi. Sono rimasta un po’ delusa.
Quello che ha aggiunto alla delusione è stato che proprio ieri mattina avevo scritto a qualcuno “avresti potuto lasciarli a me, li avrei sbiancati io!” Ma, naturalmente, come provato questa mattina, no, non avrei potuto. Ecco un’altra di quelle attività comuni da casalinghe che vengono date per scontate da magiche donne italiane (e molte furbe inglesi) che mi eluderà per sempre.

Inoltre, da ieri, nuovi pensieri:
1) È molto più facile gestire il dolore che ti è stato causato (purché non sia fisico, certo) che quello che hai causato tu ad altri. Non puoi far molto riguardo al secondo se non scusarti, piangere col cuore in mano e implorare perdono. Ma il primo… puoi semplicemente lasciarlo andare. Il mondo è un luogo crudele, si avventa con un coltello su di te e ti schiaccia all’improvviso e senza mancare, quindi perché attaccarti a un dolore che puoi semplicemente lasciar andare?
2) Devo aver qualche problema con le mamme nelle mie vite passate. Mia madre non mi ha mai voluta e sicuramente non le piacevo granché, anche se ha sempre fatto il meglio che ha potuto (Hey, un po’ come la mamma di Michael Scofield!! Ma non fate ricerche su di lei se non volete grandissimi spoiler per la serie Prison Break. Bellissima serie a proposito.) ma suppongo di voler sempre disperatamente mamme surrogate. Solo che le mamme dei miei amici, sopratutto se l’amica era donna, spesso mi odiavano, ma proprio della serie disprezzarmi così tanto da fare di tutto per farmi del male dopo aver guadagnato la mia fiducia (psicotiche, si, molte di loro). Se erano mamme di amici maschi normalmente mi adoravano, ma o abitavano lontano o si spostavano o qualcosa del genere. La migliore di tutte loro, la più grande e luminosa di tutte, è morta, più giovane persino di mia madre quando morì lei. Era lì quando è nata la nostra bambina, e l’ha vista nella sua culla nel Reparto di Cure Intensive. È morta quando la nostra bambina era rientrata da poco dall’ospedale.
Mia madre è morta proprio quando stava iniziando a essere un poco meno fredda, stava diventando più amichevole e iniziava a voler passare del tempo con me mentre si scioglieva per i miei piccolissimi bambini. È morta il 5 ottobre: alla fine di Agosto era venuta a vedermi in ospedale mentre un ridicolmente piccolo bebè D.(aveva solo qualche giorno d’età) era stato addormentato e spinto su un lettino lungo lungo in una di quelle machine gigantesche per fare la TAC. Mi sono finalmente sentita vicina a mia madre quel giorno e lei, diversamente da chiunque altro, non mi stava giudicando, lo sapevo solo dal modo in cui mi teneva la mano. Una vita era passata per arrivare a quel momento e poi ovviamente è andata a morire.
Quando la guardo così mi viene quasi da pensare che le loro vite siano state una qualche sorta di sacrificio per le vite di questi due bebè. Ma questo sarebbe parlar da pazzi.
Comunque sia, le mamme, mamme surrogate, mamme di amici: sono importanti per me.
L’ultima mamma con cui ho interagito pensavo davvero di piacerle. Mi fidavo di lei, implicitamente, l’amavo, e pensavo che avesse dell’affetto, che mi capisse e che, in qualche modo, mi conoscesse.
Ma invece no, era solo di quella categoria di mamme di amici che ottengono la mia fiducia e poi accoltellano allegramente.
Ma vabbeh, non è stata la prima, né sarà l’ultima a farlo e hey, io sono una mamma! Posso essere la mamma che avrei sempre voluto per me, ed almeno ho quel privilegio. Scelgo di ridere ai miei tentativi falliti di essere anche una mamma che sta stare dietro alla casa, e riempio d’amore i miei figli a ogni opportunità.
Scelgo di mantenere l’invidia, il risentimento, e i pensieri maligni fuori dal mio corpo. Mi entrano anche quelli, è ovvio, ma durano poco e poi vanno via (normalmente con qualche aiuto da gente tipo Tool). Forse il segreto per sbiancare sta proprio lì: ci becchiamo tutti delle macchie, il segreto è lavarle via subito, e mantenere il tuo cuore senza macchia.

Advertisements

3 thoughts on “Of whitening and mums

  1. posso fare l’avvocato del diavolo?
    ma perchè ti dovresti trasformare in una casalinga di bree di desperate housewife?
    invece di fare l’elenco delle cose che non sai fare da casalinga perchè non inizi a fare l’elenco delle cose che sai fare tu e che le altre non sanno fare
    ok i bianchi non ti vengono bene e allora?
    ok ti criticano e allora?
    ma quanto sono importanti per te le persone che ti hanno criticato?
    ma sei veramente sicura che siano importanti?
    insomma la smetto qui che altrimenti come al solito esagero 🙂 smuak!
    tu sei bella così come sei, un pò pazza un pò strega e con un cuore grande come il mondo.
    Marina

    Like

    1. Tutto ciò che dici e’ vero. Ormai a 40 anni sono davvero pienamente d’accordo con ogni parola, ma penso anche che sia anche giusto impararle, certe cose. Diciamo che voglio dare meno materiale possibile ad un’eventuale futura consuocera :))

      Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s